Home / Articoli / Prestazioni Straordinarie – la recensione

Prestazioni Straordinarie – la recensione

Prestazioni Straordinarie

La recensione

 

Prestazioni straordinarie  Prestazioni Straordinarie – la recensione PRESTAZIONI FOTO SCENA 3 300x225
Prestazioni straordinarie

È con una rivisitazione della sigla di “casa Vianello” che apprezzi e ridi di Prestazioni Straordinarie. Ma anche i personaggi non scherzano mica, sempre a battibeccare esattamente come facevano Sandra e Raimondo. L’unica eccezione è l’assenza di un letto e un sesso sempre più presente, ma mai volgare.

Ogni tre ore non è sesso è una poppata

Così tra una gag e l’altra, Cristina Vaccaro e Fabrizio Sabatucci portano in scena una commedia divertente e a tratti esilarante. È piacevole e il testo scorre veloce senza intoppi, condito di molte battute che vanno spesso controtendenza – le potete notare ad intervalli nel testo – ma, soffermandosi risultano pregne di grandi verità, con continui riferimenti goliardici per il malcapitato Gabriele Cirilli.

Carlo o ricominci ad andare con le altre donne o io ti lascio

Nemmeno la storia è tanto classica, Michela Andreozzi racconta di una coppia che non sempre è sotto i riflettori della società comune,

Prestazioni straordinarie  Prestazioni Straordinarie – la recensione psicologo 300x225
Prestazioni straordinarie

magari non viene considerata nemmeno tanto standard. Lei è una donna negli “anta”, attrice, che tenta ancora di sfondare con i provini; lui è un pornostar famoso per le sue prestazioni e inseguito dai registi, ma stanco del suo lavoro al punto da prendersi una pausa.

“Tutti noi vorremmo accanto un uomo con le mani da ginecologo e il cuore da femmina”

Il testo è sottile e tra una battuta e l’altra viene raccontato un mondo. Viene intrapreso l’argomento dell’attore e delle mille difficoltà che ha nell’emergere in un pianeta che si sofferma solo all’apparenza e non guarda la sostanza. Viene affrontato spesso il sociale, della differenza tra uomo e donna e dell’inferiorità perenne di quest’ultima. Il tutto sotto il macrotema che è quello della coppia, dei suoi problemi e delle difficoltà di andare avanti con uno stipendio solo, anzi adesso senza più nemmeno quello.

Ncsss! Non c’è sesso senza seduzione

Prestazioni straordinarie  Prestazioni Straordinarie – la recensione psicologa 300x225
Prestazioni straordinarie

Ultimo ma non per importanza, tema, toccante, che tiene incollato fino alla fine … è l’amore. “Si comincia dal bacio, Un vero atto sessuale che introduce il tutto.” Quello raccontato è un amore che ha trovato il suo equilibrio, che vive di complicità e di rispetto l’uno verso l’altro. L’affetto della coppia, sorpresa a fare sesso in macchina davanti a un convento e obbligata alla terapia di coppia come sconto della pena, è presente in tutta la sceneggiatura. Ed è anche interpretata alla grande dai due attori che, durante la terapia e le problematiche varie, si dimostrano sempre più innamorati come il primo giorno.

Una commedia che fa riflettere, un messaggio importante che va oltre le battutine e i riferimenti sessuali. La vita di coppia è difficile e lotta quotidianamente contro tutto quello che le ruota intorno, ma se c’è l’amore di base riesce a superare le difficoltà.

L’amore non si merita; l’amore capita è come un colpo di fortuna

About VoglioTornàBambina

Check Also

Cenerentola on ice - il cast cenerentola Cenerentola on ice – La recensione IMG 20190115 225330 310x165

Cenerentola on ice – La recensione

Cenerentola on ice La recensione Il debutto della Imperial Ice Stars al Teatro Brancaccio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.